I tremori del Parkinson sono uno dei sintomi maggiormente visibili di questa malattia neurodegenerativa che colpisce tra i sette e i dieci milioni di persone in tutto il mondo. Una cura definitiva per il Parkinson non esiste e i farmaci che cercano in qualche modo di attenuarne i tremori perdono di efficacia man mano che la patologia avanza. I tremori arrivano infatti a condizionare molto le vite dei malati, rendendo maggiormente difficoltosi i gesti più semplici della quotidianità.

Contro i tremori del Parkinson potrebbe però presto arrivare una soluzione che promette di aiutare la vita di tutti i giorni di coloro che ne sono affetti. Si tratta di una sorta di guanto, chiamato GyroGlove, prototipo progettato da Faii Ong, in grado di attenuare questi tremori. GyroGlove consentirebbe di stabilizzare la mano dei pazienti, controllando i tremori del Parkinson meccanicamente ma potrebbe essere utile per molte altre malattie che provocano tremori.

Come ha spiegato il fondatore di GyroGlove, il guanto contro i tremori permette di compiere lievi movimenti e ogni piccolo tremore è in qualche modo corretto istantaneamente. In questo modo si può tornare a fare cose molto semplici come preparare un caffè, cucinare e svolgere qualsiasi altra azione.

Ong, che è uno studente di medicina e ha appena 26 anni, è stato ispirato da una sua paziente per la creazione del guanto contro i tremori del Parkinson. L’ha vista mentre cercava di mangiare una minestra senza riuscirvi e sporcandosi tutta. Quando Ong ha chiesto all’infermiera perché non facesse nulla per aiutare la donna, questa gli avrebbe risposto che la donna aveva 103 e non c’era davvero molto da fare. Un episodio che l’ha segnato molto e che gli ha dato la spinta a creare un oggetto che potesse aiutare pazienti come la donna che vide quel giorno.