Il trattamento omeopatico per i dolori reumatici (e dunque anche quelli derivati da artrite ed artrosi) può essere proposto in aggiunta al trattamento allopatico, permettendo così di ridurne la posologia (ricordiamo che i FANS non sono ben tollerati a livello gastrico). Alcuni consigli non scontati sono quelli di privilegiare un’alimentazione varia e ricca di antiossidanti (frutta e verdura), acidi grassi omega-3, curcuma e pepe (che sono antinfiammatori). Praticate regolarmente attività fisica: aiuta a diminuire l’infiammazione. Qui di seguito troverete alcune importanti e utili indicazioni per combattere l’artrite e l’artrosi con i rimedi naturali.

APIS MELLIFICA 5 o 7CH

Nei casi di artrite acuta, trauma articolare, contusione, ematoma caratterizzato da dolori articolari trafittivi e brucianti, con gonfiore rosato e l’articolazione che appare arrossata, calda e tumefatta. La sintomatologia peggiora con il calore, il contatto, la pressione e il movimento, e migliora con le applicazioni fredde.

BELLADONNA 5CH

Nei casi di artrite acuta spesso causata dall’eccessiva esposizione al freddo umido, con sintomi come dolore, sudore e gonfiore; articolazione calda, arrossata; dolore pulsante e talvolta febbre. I sintomi peggiorano con il contatto e migliorano con il riposo.

BRYONIA 7 o 5CH

Nei casi di artrite acuta, versamento articolare, distorsione dovuta a un’esposizione al freddo umido o dopo trauma. Con articolazione calda, arrossata, tumefatta, dolore acuto, lancinante e costante. Vi è la ricerca dell’immobilità assoluta. La sintomatologia migliora con le applicazioni calde e la pressione locale e peggiora con il movimento. E’ tipica la secchezza delle mucose, la sete intensa e la sudorazione dall’odore acre.

RHUS TOXICODENDRUM 7CH

Nei casi di dolori muscolari, lombalgie da sforzo, artrosi, distorsioni, lussazioni, artrite scapolo-omerale caratterizzatia da rigidità articolare dolorosa e bisogno di movimento. I sintomi peggiorano con immobilità e il movimento iniziale, con l’umidità e di notte; migliorano con il movimento continuo: il dolore persiste all’inizio del movimento, poi scompare gradualmente e ricompare in seguito all’affaticamento. Il caldo induce miglioramento.

DULCAMARA 5CH

Nel caso di dolori muscolari, nel torcicollo, nella cervicale, nelle lombalgie e in altri disturbi dovuti a eccessiva esposizione al freddo umido, alla pioggia, all’umidità; la sintomatologia caratteristica è l’alternanza del dolore articolare con diarrea e con eruzioni cutanee.

Se il dolore è acuto si assumono 3-4 granuli per 3 o 4 volte durante la giornata. Se il dolore è cronico si mantiene l’assunzione di 5 granuli al mattino a digiuno anche per 2-3 mesi consecutivi, aumentando il ritmo delle assunzioni in caso di riacutizzazione del dolore.

[Dubbi sull'omeopatia? Leggi qui le nostre FAQ.]

[Attenzione: le dosi e le formule consigliate sono frutto di combinazioni che possono variare a seconda della condizione soggettiva e la loro efficacia dipende dalla sensibilità personale del paziente. Prima di procedere con l'inizio di una cura, se non siete già esperti, consultatevi con un naturopata, un erborista o un omeopata di fiducia che si accerti che non vi siano controindicazioni alla cura. Se il problema persiste o se i sintomi peggiorano, rivolgetevi subito a un medico.]