Aranda è un farmaco antibiotico a base di Levofloxacina emiidrata, indicato nel trattamento delle infezioni sostenute da batteri sensibili alla Levofloxacina, come Streptococchi, Enterococchi e Micobatteri. Aranda risulta particolarmente efficace nel trattamento di bronchite, pielonefrite, cistiti ed infezioni complicate delle vie urinarie, endocardite, gonorrea, prostatite batterica cronica, sinusite batterica acuta ed infezioni complicate della pelle e dei tessuti molli.

Il dosaggio giornaliero si attesta generalmente tra i 250 e 1000 mg die, suddivisiti in due somministrazioni. A seconda della gravità del quadro clinico e delle condizioni di salute generali del paziente, sarà tuttavia il medico a fornire le indicazioni necessarie. Particolare cautela deve essere  riservata in caso di pazienti affetti da patologie renali, deficit enzimatico di glucosio 6 fosfato deidrogenasi, psicosi o con precedenti di malattia psichiatrica. Per quanto riguarda invece la durata del trattamento, questo dipende dalla sensibilità del patogeno ritenuto causa dell’ infezione. L’ assunzione di Aranda deve tuttavia essere prolungata per un minimo di 48-72 ore dalla regressione dei sintomi. Durante tutto il periodo si raccomanda inoltre di evitare l’ esposizione diretta ai raggi solari, in quanto il farmaco può indurre reazioni di fotosensibilità.

Assolutamente controindicato risulta invece l’ utilizzo di Aranda in bambini e adolescenti in fase di sviluppo, in pazienti epilettici, affetti da gravi patologie renali, ipersensibili al principio attivo o ad uno dei suoi eccipienti, nonché durante la gravidanza e il successivo periodo di allattamento al seno.

Tra i possibili effetti collaterali di Aranda si segnalano infine nausea, diarrea, vomito, dolori addominali, alterata funzionalità renale, cefalea, irritabilità, capogiri, vertigini, sonnolenza, disturbi visivi, convulsioni e, più raramente, tendiniti ed artralgie, che possono manifestarsi in pazienti in via di sviluppo.