Da sempre esiste la strana convinzione che l’appendicite sia un organo del tutto inutile, che sta lì dove deve stare per non si sa quale assurda ragione. In realtà, però, non è proprio così. Nulla è inutile in natura e se qualcosa esiste, sia pure l’appendicite, un motivo c’è sempre. Secondo uno studio della Midwestern University (Ariziona), ad esempio, esso sarebbe coinvolto nei segnali che regolano il nostro sistema immunitario e avrebbe inoltre un ruolo importante quale riserva di batteri buoni da utilizzare quando quelli presenti all’interno dell’intestino sono scarsi.

I ricercatori che si sono occupati di tale studio hanno notato che nelle oltre cinquecento specie animali dotate di appendicite, e che vivono in tutti i continenti, vi è una più alta concentrazione di tessuto linfoide nell’intestino cieco. Questo fa sì che il tessuto sia pieno di cellule in grado di suscitare una reazione del sistema immunitario quando l’organismo è sotto stress.

L’ultima scoperta fatta dalla ricerca si basa poi sui batteri buoni che l’appendicite custodirebbe e che andrebbero a rimpiazzare quelli che nell’intestino non ci sono più a causa di cure con antibiotici oppure infezioni che colpiscono l’organo. E se è vero che gli esseri viventi che lo hanno possono vivere anche senza appendicite, è altrettanto vero che continuare a disporne apporta senz’altro beneficio al sistema immunitario e alla flora batterica dell’organismo.