Antibiotici si, antibiotici no. L’Italia è tra i Paesi europei con un maggior consumo di antibiotici: un’abitudine – quella di assumerli con eccessiva facilità come rimedio veloce per qualsiasi malanno – che diventa ancor più pericolosa quando si parla della salute dei bambini. Ma come sapere quando è davvero necessario usarli? E quando invece sarebbe meglio aspettare?

Sono stati questi i temi principali al centro della Consensus Conference, da poco conclusasi a Bologna, che ha visto riuniti i maggiori esperti italiani di pediatria per discutere sull’Impiego giudizioso della terapia antibiotica nelle infezioni delle vie aeree in età pediatrica.

LA CONSENSUS CONFERENCE: PERCHE’?

L’obiettivo della Consensus Conference, alla luce delle più recenti evidenze scientifiche internazionali – afferma il dottor Giuseppe Di Mauro, Presidente della Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale (SIPPS) – è quello di offrire al pediatra di famiglia, al medico di medicina generale che si occupa di bambini, e alle famiglie, uno strumento utile ed aggiornato per un adeguato ed efficace trattamento antibiotico nelle più frequenti infezioni delle vie aeree nei bambini”.

L’ANTIBIOTICO COME TRATTAMENTO ALLE INFEZIONI ALLE VIE RESPIRATORIE

Secondo i dati emersi dal congresso, prendendo in esame come popolazione di riferimento i bambini di età compresa tra 1 mese e 18 anni, gli antibiotici sono i farmaci più utilizzati in età pediatrica, soprattutto a livello ambulatoriale: l’88,7% delle prescrizioni antibiotiche in età pediatrica sono effettuate dal pediatra (61,2%) o dal medico di famiglia (27,5%) e, di queste, oltre il 33% interessano bambini in età pre-scolare.
Il maggior numero di prescrizioni di antibiotici viene eseguito per il trattamento delle infezioni respiratorie e, nella maggior parte dei casi, i pediatri li prescrivono per i bambini che rientrano nella fascia d’età dai 2 ai 5 anni (65% delle prescrizioni).

PERCHE’ SI ABUSA DELL’ANTIBIOTICO?
Alla base dell’eccessivo utilizzo di antibiotici in pediatria, sono stati individuati vari fattori tra i quali la difficoltà, in molti casi, nel raggiungere una diagnosi microbiologica dell’infezione. Altre cause di eccessiva prescrizione sono rappresentate, poi, dalle pressioni da parte dei genitori sul proprio medico.

I RISCHI DELL’ASSUNZIONE DI TROPPI ANTIBIOTICI
Ma quando si utilizza una terapia antibiotica – sottolinea Di Mauro – non bisogna  sottovalutare le eventuali reazioni avverse, così come l’incremento del fenomeno delle resistenze batteriche, associate proprio ad una eccessiva prescrizione di antibiotici, con un impatto rilevante sulla sanità pubblica”.

Secondo i dati emersi durante la Consensus Conference, infatti, l’Italia risulta tra i Paesi europei con i livelli più elevati di antibiotico-resistenza, soprattutto verso lo Streptococco, lo Stafilococco, l’Enterococco, l’Escherichia, la Klebsiella o la Pseudomonas. Tale fenomeno si manifesta con maggiore frequenza nelle regioni del Centro e del Sud rispetto a quelle del Nord, conseguenza diretta del maggior consumo di antibiotici rilevato in queste aree geografiche.

PER UN UTILIZZO PIU’ RAZIONALE DEGLI ANTIBIOTICI

Al termine della Consensus Conference sono state indicate, inoltre, alcune raccomandazioni specifiche per i pediatri sull’uso razionale degli antibiotici, in particolare per il trattamento della faringotonsillite acuta, dell’otite media acuta, della rinosinusite, della sindrome influenzale e della polmonite acquisita in comunità.
La Consensus Conference ha fornito, infine, alcune indicazioni importanti per un utilizzo giudizioso degli antibiotici in età pediatrica anche per le famiglie attraverso la creazione di poster e depliant che verranno diffusi presso gli ambulatori dei pediatri. Sarà inoltre creata, all’interno dell’area genitori del sito www.sipps.it, una sezione interamente dedicata ai quesiti più frequenti che ogni genitore si pone in merito a questo argomento.