In questi ultimi giorni di agosto molti dei negozi che hanno appena riaperto dopo le ferie estive propongono delle vendite straordinarie in cui offrono la loro merce a prezzi davvero stracciati.

Si tratta per la maggior parte delle rimanenze dei capi della stagione che i commercianti cercano di vendere per fare spazio alle nuove collezioni.

Vendite promozionali che attirano i clienti che, magari, dato  il prezzo davvero basso della merce la acquista anche senza averne realmente necessità. Un problema per il portafogli e non solo: le vendite promozionali sembra che facciano male anche alla salute.

Secondo un recente studio condotto dalla Long Island University, infatti, alcune categorie di acquirenti hanno mostrato sintomi adi disturbi mentali, ansia e persino perdita del senso della realtà. In base alle analisi dei ricercatori il 20 percento degli acquirenti ha mostrato livelli molto alti di ansia durante lo shopping, il 23 percento ha addirittura sperimentato la “derealizzazione” e la preoccupante percentuale del 50% ha provato mancanza di empatia verso coloro che stavano facendo gli stessi acquisti.

Tutto ciò sarebbe generato proprio dalla volontà di voler a tutti i costi avere quel determinato oggetto a quel prezzo, fatto che mette in competizione con gli altri che si devono, a tutti i costi, battere sul tempo.

I ricercatori, quindi, suggeriscono di adottare delle tecniche di rilassamento prima di iniziare lo shopping.