Animali in ospedale a Treviglio, in provincia di Bergamo, dove il nuovo regolamento consentirà agli amici “pelosi” di accedere ai reparti di degenza della struttura, in modo da poter far visita ai propri padroni ricoverati. In questo modo l’ospedale non sarà più off limits per gli amici a quattro zampe come gatti, cani ma anche conigli.

Avere gli animali in ospedale sarà dunque consentito a Treviglio: unici limiti imposti saranno quelli del non accesso a taluni reparti quali quello di rianimazione, ginecologia, ostetricia, anestesia e chirurgia generale. Chi vorrà far entrare i propri animali in ospedale poi, dovrà compilare un apposito modulo di richiesta e gli amici a quattro zampe dovranno essere in regola.

Affinché gli animali possano visitare i propri padroni ricoverati in ospedale occorrerà però anche un altro lascia passare: quello dell’eventuale paziente (o dei pazienti) che condivide la stanza con la persona che ne fa richiesta.

Il nuovo regolamento dell’ospedale di Treviglio mira quindi a facilitare l’accesso degli animali in ospedale, in modo da tutelare il rapporto che essi hanno con i padroni ma soprattutto per offrire maggior supporto psichico a coloro che sono costretti a restare all’interno del nosocomio (gli effetti positivi della pet therapy sono ormai ben noti a tutti). Il regolamento disciplina anche l’accesso dei cani-guida all’interno della struttura.

Il regolamento dell’ospedale di Treviglio anticipa l’approvazione della proposta di legge che è attualmente ancora in discussione presso la Regione Lombardia. Qualora quest’ultima dovesse essere approvata, gli animali domestici potrebbero avere accesso in qualsiasi luogo pubblico, purché accompagnati dal proprio padrone.