La ricerca di un metodo per predire la comparsa dell’Alzheimer è l’ossessione dei neuroscienziati: alcuni ricercatori della Georgetown University di Washington hanno annunciato sulla rivista Nature Medicine di aver creato un metodo avente proprio questa capacità.

Si tratta di un esame del sangue in grado di preannunciare il rischio di questa malattia con 3 anni di anticipo e con il 90% di accuratezza, per merito dell’analisi di 10 tipi diversi di grassi presenti nel sangue. SI tratta di un gigantesco passo avanti per il sistema sanitario, visto che sono 44 milioni le persone affette da questa patologia ed è previsto che entro il 2050 si triplicherà. In Italia, attualmente, i malati di Alzheimer sono 700 mila ed è risaputo che l’impegno sociosanitario è enorme e ricade in gran parte sulle famiglie dei malati.

LA SFIDA

Oggigiorno, purtroppo, non esistono terapie in grado di rallentare e curare lo sviluppo della malattia; qualche farmaco può, forse, controllare alcune sue manifestazioni, come il deficit dell’attenzione o le performance cognitive. Altri farmaci, invece, agiscono sul metabolismo cerebrale e sono totalmente a carico del paziente. In ogni caso, le cure vengono prescritte soltanto una volta che la malattia si è già manifestata: disturbi della memoria, decadimento cognitivo e perdita progressiva della capacità di gestirsi autonomamente. Questo è il vero problema e da qui nasce la sfida: trovare una terapia in grado di contrastare l’Alzheimer nelle sue fase precoci, prima che si manifestino i primi sintomi e per farlo è necessario sperimentare i farmaci quando il danno cerebrale non è ancora evidente. E’ per cui importante avere un esame che individui le persone a rischio.

LO STUDIO

I ricercatori hanno studiato 525 persone over 70 in 5 anni e hanno individuato 53 soggetti che hanno sviluppato dei sintomi di Alzheimer; hanno confrontato il loro profilo lipidico, ovvero i fosfolipidi presenti nel sangue con quelli di 53 soggetti sani, riuscendo ad individuare chi era a rischio di sviluppare la malattia.

Foto by InfoPhoto