Milano capitale della Moda, del lusso e… Della falloplastica! Da quanto comunica, infatti, il Centro di medicina sessuale di Milano, ogni anno in media nel capoluogo meneghino si effettuano circa 300 operazioni di creazione o modifica del pene, con una media che va dai 20 ai 30 interventi al mese.

Una vera e propria ossessione quella per la taglia che, Alessandro Littara, fondatore e responsabile della struttura milanese, ha descritto come una realtà quotidiana per tanti uomini: “C’è chi ha un problema anatomico reale, però c’è anche chi ha un blocco psicologico e pensa di trasformarsi in latin lover guadagnando centimetri in lunghezza o diametro“. E addirittura “c’è chi arriva con richieste ben precise: ‘Lo vorrei come quell’attore’” (leggi qui come allungare il pene senza operazioni chirurgiche).

Importante non sottovalutare il bisogno di sottoporsi ad un intervento del genere se davvero lo si desidera: “A volte è taciuto come un tabù, più spesso viene banalizzato o considerato futile. Ma così non è” specifica Littara. “Si tratta di un tema che coinvolge direttamente non solo la sfera sessuale di una persona – osserva – ma di riflesso la sua stessa vita di relazione, con pesanti ricadute a livello sociale“.

I costi dell’intervento? Vanno dai 3 ai 7 mila euro, “la tendenza all’aumento delle richieste non si è fermata nemmeno con la crisi economica. Su questo fronte siamo considerati un punto di riferimento mondiale – garantisce il chirurgo – e quello al via domani sarà in assoluto il primo corso per qualità della presentazione e numero di operazioni ‘live’“.

photo credit: Bisbi via photopin cc