Grazie alla farina di fagioli che soffre di diabete e celiachia potrebbe essere adesso in grado non soltanto di mangiare pasta e pane ma anche biscotti. Secondo uno studio dell’Istituto di biologia e biotecnologia del Consiglio nazionale delle ricerche, infatti,i prodotti creati a partire dalla farina di fagioli sono in grado non soltanto di essere mangiati da diabetici e celiaci ma anche di apportare un maggior bilanciamento amminoacidico, un maggior contenuto di fibre e anche un minore indice glicemico nel sangue.

Grazie alla farina di fagioli insomma, sarà possibile mangiare prodotti che in genere vengono eliminati dalla lista dei cibi di cui nutrirsi (perché contenenti glutine o zuccheri, a patto di acquistare prodotti specifici) con in più il vantaggio di cibi di alimenti molto più sani e nutrienti. Questo perché le proteine contenute nei fagioli sono complementari a quelle presenti nei cereali.

I biscotti che diabetici e celiaci possono mangiare sono stati prodotti utilizzando farina a base di fagioli lpa1 e Lady Joy. Utilizzando il fagiolo del primo tipo, ad esempio, i ricercatori hanno potuto ottenere un prodotto con il 50 per cento in meno di acido fitico: ciò significa che alimenti che contengono questa farina semplificano di molto l’assorbimento del ferro. Grazie invece alla presenza del fagiolo del secondo tipo, la farina permette ai biscotti di essere ipoglicemici e quindi particolarmente adatti ai diabetici.

Nonostante i biscotti alla farina di fagiolo non siano ancora disponibili sul mercato, pare che dai primi test essi siano apparsi piuttosto gustosi da mangiare. I ricercatori sperano adesso che la produzione possa ottenere copertura a livello nazionale.