I rapporti sessuali non protetti costituiscono il 78,8% di tutte le segnalazioni di persone che hanno contratto l’HIV . Cresce il numero di contagi tra gli uomini, che sono il 75% dei casi, contro il 25% delle donne. L’età media delle persone affette da questa malattia è di 38 anni per i maschi e di 34 anni per le femmine.

Con 4mila nuovi casi di infezione l’anno, in Italia l’incidenza della malattia resta di livello “medio-alto”: i dati più recenti pervengono dalla collaborazione tra Centro Operativo AIDS (COA) dell’Istituto Superiore di Sanità, regioni e Ministero della Salute. Sono stati diagnosticati 5,8 nuovi casi di HIV positività ogni 100.000 residenti.

Nella maggior parte delle regioni l’incidenza dell’infezione sembra stabile; in alcune aree però (Bolzano, Sassari, Valle d’Aosta, Umbria, Sicilia) appare in aumento, mentre in altre si osserva una lieve diminuzione (Lazio, Piemonte, Emilia-Romagna, Marche, Trento).

Lo scorso anno l’incidenza più bassa è stata osservata in Calabria e quella più alta in Valle d’Aosta. Quasi una persona su tre è di nazionalità straniera. Tra gli italiani l’incidenza HIV è più elevata al nord, mentre tra gli stranieri si osserva un’incidenza maggiore al sud.

La spesa per i farmaci anti-HIV è pari a 661,5 milioni di euro all’anno, e il 37% grava sulla spesa ospedaliera. Il costo complessivo di ogni paziente (considerando che la terapia viene effettuata per tutta la vita), è pari a circa 400 mila euro.

photo credit: ttfnrob via photopin cc