La gestione di un orto senza fatica, rispettando la natura e le sinergie tra piante e terreno, risulta difficile da credere. Per tanto chi ha sperimentato questa esperienza meravigliosa e intende comunicarla ad altri, ha difficoltà a fornire o consigliare un’adeguata documentazione poiché le informazioni sono disperse in varie pubblicazioni, spesso di difficile reperibilità.

Proveremo qui a raccogliere le informazioni necessarie a chi è i nteressato all’ argomento e vuole inizi are la colti vazione di un orto sinergico.

COS’E’ L’AGRICOLTURA SINERGICA?

L’agricoltura sinergica è un metodo di coltivazione rivoluzionario elaborato a partire dagli anni ’80 dall’agricoltrice spagnola Emilia Hazelip (1938- 2003) adattando al clima mediterraneo i principi dell’agricoltura naturale estrapolati dall’agronomo giapponese Masanobu Fukuoka (1913-2008).

La stessa Emilia Hazelip ha definito l’agricoltura sinergica come “la forma di coltivazione più naturale tra quelle conosciute, perché lavora con le dinamiche di fertilità naturali del suolo. In sostanza ciò significa che il suolo migliora e poi mantiene la sua fertilità se un certo numero di piante vengono piantate densamente in esso e se si usa la pacciamatura per “imitare” lo strato di foglie e compost che si forma spontaneamente in natura. Non c’è alcun bisogno d’ammendanti di nessun tipo, neanche di compost, fertilizzanti organici, polvere di roccia, preparati bio-dinamici etc. poiché il suolo, se trattato correttamente, si comporterà come il suolo naturale “selvaggi o” (i ncolto).

Vedremo nei prossimi articoli quali sono le basi dell’agricoltura sinergica e come realizzare un orto casalingo usando questi principi.