Sarà capitato almeno una volta nella vita di soffrire di dolorose afte in bocca: queste sono delle lesioni della mucosa orale – tra bocca, guance e anche lingua – caratterizzate da delle vesciche bianche, del diametro che può variare dai 2 ai 5 millimetri se non anche di più, che provocano fastidi e dolori anche solo se sfiorate e che in genere tendono a guarire nel giro di circa due settimane: queste, una volta che scoppieranno, diventeranno delle vere e proprie ulcere, con un processo di guarigione che in genere varia dai sette ai quindici giorni.

Ma quali sono le cause della loro comparsa e come possono essere curate? Tra quelle principali della comparsa di queste tanto odiate vesciche si trovano gli squilibri della flora intestinale, squilibri ormonali, durante il ciclo mestruale, ma può anche essere provocato da un abbassamento delle difese immunitarie, degli interventi odontoiatrici e più “semplicemente” anche carenze di vitamine e minerali, intolleranze alimentari o periodi in cui si viene sottoposti a grandi stress e affaticamenti.

Come per moltissimi altri disturbi, prima di ricorrere alla cura farmacologica, si può intervenire, alleviando o curando del tutto il problema grazie all’ausilio dei rimedi naturali.

La cura con i rimedi naturali

Tra i primi rimedi naturali reputati tra i più efficaci si trova l’aloe vera: dai molti utilizzi – tra cui in particolare per le scottature – può essere usato sotto forma di gel – estratto direttamente dalla foglia – o olio essenziale e può andare ad alleviare il problema grazie alle sue proprietà anti-infiammatoria, immunostimolante  e mucoprotettrice. Un altro rimedio efficace derivante dalla natura può essere la radice di liquirizia, che va ad accelerare il processo di guarigione dell’afta, rinforzando il sistema immunitario, ma anche del semplice – o tè nero – mettendolo normalmente in infusione nell’acqua calda e, dopo averlo bevuto, utilizzare la bustina messa in infusione e poggiarla per alcuni minuti sull’afta. Ovviamente poi si potrà bere il resto, ma questo rimedio in particolare aiuterebbe ad alleviare la sensazione di dolore accelerandone la guarigione.

Efficace soprattutto per rinforzare il sistema immunitario è anche l’echinacea, da assumere anche come tisana, ma ance la salvia, il rabarbaro e la malva, soprattutto per fare dei risciacqui se l’afta si trova all’interno della bocca. Altri oli essenziali assai efficaci possono essere il tea tree oil – grazie alla sua azione antisettica -, ma anche l’iperico e la calendula: anche questi possono essere applicati direttamente sull’afta aiutandosi con una garza o un cotton fioc.

Di grande sollievo per il dolore pungente possono essere dei cubetti di ghiaccio da applicare sulla parte lesa, come anche il sale e l’aglio: il primo, anche se può recare un po’ di bruciore, lo si può premere con un dito direttamente sull’afta, mentre il secondo, tagliato a metà, può essere strofinato sulla parte lesa per qualche secondo così da attivare le sue potenti proprietà antivirali.

Tra gli innumerevoli rimedi naturali si trovano anche i fiori di Bach, da prendere sotto attento controllo medico: tra i mix efficaci si trova il Rescue Remedy, anche questa da stendere sulla parte lesa con l’aiuto di una garza o un cotton fioc, ma altrettanto efficaci sarebbero anche il mix Cherry Plum e Olive.

Alimentazione e parere medico

Uno dei primi rimedi efficaci per alleviare i sintomi e la ricaduta in questo fastidioso disturbo è sempre e comunque l’alimentazione: questo perché le afte possono essere alimentate da un’alimentazione poco corretta e sbilanciata, specie se ricca di grassi animali, bevande alcoliche, cibi piccanti, cioccolato e formaggio, ma anche una certa carenza soprattutto di zinco e ferro,  vitamine B12 e B9. Per questo motivo, anche per la propria salute, è sempre consigliato vivere uno stile di vita sano, con un’alimentazione quanto più bilanciata possibile, cercando di limitare al massimo i cibi spazzatura, aumentando invece la quantità di cibi ricchi di antiossidanti, sali minerali, vitamine, ma anche proteine. Saranno essenziali quindi frutta e verdura fresche, ma anche pesce di mare, legumi e cereali biologici e carne magra.

Se questa condizione viene causata da una dieta sregolata allora può risultare particolarmente efficace integrare anche dei fermenti lattici così da regolarizzare la propria flora intestinale e le difese immunitarie.

Ad ogni modo, nel momento in cui si pensa di curare il disturbo con i rimedi naturali è sempre consigliato chiedere il parere medico: questo in particolar modo anche nel momento in cui gli stessi non risultano particolarmente efficaci per alleviare o risolvere il problema, causando anche dei peggioramenti della propria condizione. Un parere medico sarà in grado di trovare la giusta soluzione e la giusta terapia per contrastare le afte.