Dopo la perdita di una persona cara, molti si rivolgono al medico. Se conosce la famiglia da tempo, costui può fornire un valido supporto emotivo. Può anche consigliare il counselling quale forma di sostegno terapeutico per affrontare il processo del lutto. Esistono inoltre organizzazioni di volontariato che possono offrire un valido aiuto. Il supporto motivo avviene in forma di sessioni di gruppo o di counselling personale.

LE TECNICHE DI RESPIRAZIONE

La ricerca ha dimostrato che circa 1/3 delle persone affette da episodi acuti di iperventilazione può incorrere in una ricaduta ricordando la perdita di un congiunto. Questo avviene soprattutto se la persona non è capace di manifestare apertamente i propri sentimenti e tende a reprimere le emozioni. Come nel caso di disturbi respiratori, è utile fare ricorso alle tecniche di respirazione, considerando tuttavia che servono solo a trattare l’iperventilazione, ma non risolvono le cause psicologiche di base, che necessitano di essere trattate con altri mezzi appropriati.

OMEOPATIA

Ignatia è il rimedio omeopatico indicato più di frequente per trattare le reazioni immediate alla perdita di una persona cara. Rispondono a Ignatia coloro che si sentono apatici e colti dal senso di irrealtà, emotivamente ipersensibili, con reazioni talvolta paradossali come il riso inappropriato o isterico. Possono esservi senso di costrizione alla gola e spasmo muscolare. E’ bene sapere che alcuni rimedi omeopatici, fra cui Ignatia, sono resi inattivi dal caffè.

Natrum muriaticum è il rimedio classico per le reazioni prolungate e irrisolte di fronte al lutto. I soggetti che rispondono a Natrum muriaticum tendono a non esprimere i propri sentimenti al momento della perdita (per esempio, non piangono al funerale), e talvolta sono incaricati del ruolo di colui che “si mantiene lucido, quando tutti gli altri perdono la testa”. Mostrano un’espressione coraggiosa in volto, si occupano delle questioni pratiche e hanno cura degli altri ma, dentro di sé, vivono ma terribile depressione.

Causticum è indicato per chi si è preso cura per molto tempo e con dedizione di un parente o un amico. Un tratto caratteristico è la rabbia, soprattutto nei confronti dell’ingiustizia.

[Dubbi sull'omeopatia? Leggi qui le nostre FAQ.]

LA PSICOTERAPIA: IL COUNSELLING

il dialogo con 1 professionista che non appartiene alla famiglia può aiutare le persone in lutto esprimere i propri sentimenti, ad affrontare le reazioni altrui e ad accettare la vita nonostante la grave perdita.