Correre fa bene. Lo dicono tutti: migliora lo stato della circolazione sanguigna, aiuta a tenere sotto controllo il peso, il colesterolo e gli zuccheri nel sangue. Fa bene anche all’umore, aiuta a “scaricare” lo stress e la tensione, a tenere sotto controllo l’ansia, in definitiva a sentirsi meglio.

Anche il cuore trae benefici dalla corsa in quanto lo stesso muscolo cardiaco è influenzato dall’attività, poiché l’esercizio costante nel tempo fa sì che la frequenza cardiaca diminuisca a riposo. Ciò comporta un generale miglioramento dell’attività cardiaca, riscontrabile non solo nello sport ma anche durante lo svolgimento di normali mansioni quotidiane.

La corsa è un’attività fisica, e in quanto tale, ha delle regole. La prima è sicuramente quella di non esagerare mai e di chiedere un parere al proprio medico prima di iniziare, poi è fondamentale utilizzare un abbigliamento adatto, le scarpe giuste faranno la differenza.

È infatti importantissimo correre con le scarpe adatte onde evitare disagi, rischiando tendiniti, dolori articolari e muscolari di vario tipo. Quindi è bene non infilare ai piedi un paio di scarpe qualsiasi.

Le scarpe da running sono perciò la scelta più importante che un corridore deve fare, bisogna saper scegliere fra i tanti modelli proposti sul mercato quello in grado di adattarsi al meglio alle proprie caratteristiche fisiche e al proprio modo di correre.

Noi abbiamo provato le nuova adidas Ultra BOOST, il nuovo modello da running dalla rivoluzionaria tecnologia BOOST, in grado di garantire il giusto supporto per l’andatura di ciascun runner e il massimo ritorno di energia, elemento che rende performante la scarpa e di conseguenza anche la corsa stessa. A differenza degli altri materiali che non consentono al piede di estendersi naturalmente, Ultra BOOST impiega nella tomaia la tecnologia Primeknit, che si adatta al piede assecondandone così la naturale espansione durante il movimento.

Ultra BOOST sono scarpe per correre comode, traspiranti, leggere e ben ammortizzate. Un’esperienza di corsa unica, una vera rivoluzione. Provare per credere!

Foto: Ufficio Stampa