L’ acufene è un disturbo uditivo caratterizzato dalla percezione di un fastidioso ronzio all’ orecchio, intermittente o continuo, che si verifica anche in assenza di fonti rumorose esterne. Gli acufeni possono dipendere da numerose cause, tra cui infezioni dell’ orecchio, mal occlusione mandibolare, reazioni a farmaci, pressione sanguigna alta, prolungata esposizione a rumori forti, intossicazioni alimentari, danni neurologici, danni all’ udito legati all’età, ma anche traumi di natura psicologica e forte stress emotivo. In questo caso si parlerà quindi di acufene da stress. Esso è causato ad un aumento di glutammato nel cervello (innescato da ansia e stress), e dalla conseguente sovraeccitazione dei neuroni. Il glutammato (o Acido Glutammico) rappresenta infatti il più importante neurotrasmettitore eccitatorio del cervello, fondamentale per veicolare informazioni e creare legami tra un neurone e l’ altro. In caso di acufene da stress, si parla tuttavia eccito-tossicità provocata da un aumento del glutammato, che, scatenando un eccesso di sollecitazioni, si traduce, in questo caso, in iperacusia.

Essendo l’ acufene da stress un disturbo multifattoriale, non esistono al momento cure specifiche per questo disturbo, bensì una serie di terapie che consentono di alleviare i sintomi, agevolando la guarigione. Oltre ad intraprendere specifiche terapie mediche (come il trattamento TRT – tinnitus retraining therapy) è quindi indispensabile imparare a gestire lo stress ed abbassarne i livelli, dedicandosi ad esempio ad attività quali yoga e meditazione, ma anche praticando esercizio fisico e concedendosi una pausa ogni tanto. Nei casi più complicati, di grande aiuto può inoltre rivelarsi il sostegno di uno psicoterapeuta. E’ infine importante seguire un’ alimentazione sana, che garantisca il corretto apporto di tutte le sostanze essenziali per il benessere psicofisico. In particolare, si consiglia di inserire alimenti ricchi di magnesio o, se necessario, assumere specifici integratori, in quanto in grado di abbassare i livelli di glutammato che provocano eccito-tossicità da stress.