Creme, cremine, lozioni e preparati naturali a volte non sono sufficienti per combattere la vera e propria piaga che affligge la pelle di tantissime persone, l’acne. Da sempre considerato come il nemico epidermico numero uno di adulti e ragazzi, la tendenza all’acne è una problematica che può essere trattata con diversi metodi, naturali o meno, ma non sempre efficaci sulla pelle di tutti. Dall’America, però, arriva una nuova esaltante scoperta secondo la quale l’uva sarebbe un perfetto coadiuvante nella cura contro i brufoli.

I ricercatori dell’Università della California a Los Angeles sarebbero infatti riusciti a dimostrare come il resveratrolo, la sostanza contenuta nella buccia dell’uva, sia in grado di inibire la crescita dei batteri che causano l’acne sulla pelle. Il resveratrolo è particolarmente rinomato per le sue proprietà benefiche a livello cardiovascolare e per la sua capacità di arrestare la formazione di radicali liberi che causano danni a cellule e tessuti.

La dottoressa Emma Taylor, assistente professore di medicina nella divisione di dermatologia della David Geffen School of Medicine ha dichiarato che “inizialmente abbiamo pensato che, poiché le azioni dei due composti si oppongono, l’associazione dovrebbe far sì che si annullino l’un l’altro, ma è accaduto. Questo studio dimostra che la combinazione di un ossidante con un antiossidante permetta un miglioramento vicendevole e contribuisca a sostenere l’attività contrastante i batteri per un periodo di tempo più lungo”. Il consiglio degli scienziati è quello di utilizzare il resveratrolo in combinazione con un comune farmaco contro l’acne a base di perossido di benzoile, un ossidante che crea radicali liberi in grado di uccidere i batteri che causano l’acne.

photo credit: __MaRiNa__ via photopin cc