Con l’Epifania le festività si fermeranno per almeno un mese e con queste anche le grandi abbuffate: tra il Natale, Capodanno e il giorno della befana, infatti, in molti si sono “rilassati” lasciandosi tentare da grandi pranzi e cene spesso e volentieri accompagnate da porzioni di pandoro o panettone.

Per questo motivo i medici dell’Associazione Nazionale Dietisti (Andid), per recuperare la propria forma fisica e il proprio benessere può essere necessario immergersi in un periodo di depurazione per fegato e intestino dalle tossine accumulate : questo attraverso una dieta ricca di frutta, verdure e cibi poco conditi, “possibilmente accompagnata dalla giusta attività fisica”.

Secondo gli stessi integratori e tisane di ogni tipo – depurative, snellenti e compagnia… – non servirebbero a nulla se alla base, infatti, non c’è una dieta altrettanto bilanciata.

Specialmente durante le abbuffate delle festività, infatti, il proprio fegato potrebbe risultare affaticato e, in generale, un’alimentazione che predilige cibi grassi determina indubbiamente l’impennata di colesterolo e trigliceridi: per questo motivo, per ritrovare il benessere intestinale e in generale del proprio organismo, non servirebbe un periodo di digiuno ma, al contrario come evidenziato dalla dottoressa Giovanna Cecchetto, “un periodo di disintossicazione, con molta acqua e condimenti semplici, a base di olio di oliva a crudo”.

Tra i cibi da prediligere in questo periodo di detox ci sono i cereali integrali insieme ai legumi – particolarmente ricchi di fonti proteiche vegetali –, soprattutto in quest’ultimo caso da sostituire a carne o formaggi, cercando di ridurre al massimo grassi, zuccheri semplici e bevande alcoliche: sì invece a verdure ma, come spiegato dagli specialisti dell’Andid, rigorosamente crude, bollite o cotte al vapore e, soprattutto, non “ripassate nell’olio”.