Per ogni runner che si rispetti, oltre al giusto modello di scarpe conta anche la scelta dell’abbigliamento, che sia adatto per un allenamento o una gara. È di essenziale importanza che questo risulti comodo per tutti i movimenti, ma anche pratico e resistente e, ovviamente, deve  essere scelto in base al tempo.

Tra i tessuti che andrebbero evitati, specie nella stagione invernale, c’è il cotone poiché questo, a differenza dei tessuti tecnici in commercio, va ad assorbire il sudore trattenendolo nel capo e, una volta terminata la corsa, non si asciuga e va a creare una condensa con una sgradevole sensazione di sudato che può andare a causare una dispersione del calore corporeo.

Stagione fredda

Se bene ci si trovi in una stagione fredda ed invernale, uno dei consigli per i runner è quello di non coprirsi con troppi capi, specie in occasione delle gare. In questi casi è essenziale utilizzare capi tecnici, anche termo-protettivi, dall’intimo (con materiali fit dry, cooldry, ecc.), alla maglia con maniche lunghe fino ai pantaloni, gilet o giubbini anti-vento o anti-pioggia: l’importante è che  questi siano in un tessuto tecnico che andrà ad assorbire il sudore e, al contrario del cotone, traspirare verso l’esterno lasciando così il proprio corpo asciutto. Importante che i pantaloni risultino attillati per due motivi: oltre a mantenere il calore all’interno facendo traspirare il sudore, specie in inverno è importante che i muscoli risultino “compatti” in modo da evitare infortuni. Se il freddo è molto intenso si può indossare una calzamaglia in lycra – o qualsiasi altro tessuto tecnico – sotto il proprio pantalone.

Per tutti coloro che invece non riescono ad usare dei pantaloni troppo lunghi possono optare per un paio di pantaloni – sempre attillati – fin sopra il ginocchio, coprendo l’altra parte delle gambe con delle calze lunghe o degli scaldamuscoli che, specie gli ultimi modelli, risultano particolarmente efficaci per migliorare ed aiutare la circolazione sanguigna periferica.

Per i gilet o i giubbini è importante che anche questi siano traspiranti ma, in particolar modo se si corre la sera, è importante che questi siano anche catarifrangenti. Per non avere freddo si può ricorre anche all’utilizzo di cappelli, fasce, scalda collo o guanti in lana assorbente o di pile che, al contrario non assorbe ma va a isolare e a bloccare la traspirazione.

Vento, pioggia e neve

Vento, pioggia e neve non bastano per fermare i runner più incalliti ed appassionati: per questo motivo, durante queste “intemperie” è bene essere sempre muniti con l’abbigliamento adatto, in base anche alla temperatura esterna. Specie d’inverno bisognerebbe optare per un abbigliamento termico a maniche lunghe, ma in ogni caso non deve mai mancare la giacca anti-vento e impermeabile, sempre rigorosamente in tessuto tecnico e traspirante. Per le intemperie invernali, dalla neve alla pioggia, è sempre consigliato una giacca in tessuto gore-tex, anti-traspirante e anti-vento che va ad isolare il calore; per la pioggia invece possono andare bene i classici k-way purché garantiscano sempre un buon livello di traspirabilità.

Stagione calda

Se bene si tratti di una stagione primaverile o estiva, le stesse regole vanno attuate anche per questo periodo, scegliendo un abbigliamento – ovviamente più corto – fatto di materiale tecnico: è di essenziale importanza, specie in questo periodo particolarmente caldo, che i propri capi, traforati e traspiranti, permettano alla propria pelle di respirare facendo evaporare umidità e sudore. Sì a magliette o canottiere che siano traspiranti e di un tessuto morbido per evitare sfoghi dati da sfregamento. Lo stesso vale ovviamente anche per gli short che possono essere i classici sgambati e molto leggeri, oppure più attillati fin sopra il ginocchio.

In particolar modo per la stagione estiva, specie se si corre durante le ore più calde, è molto importante coprire la propria testa indossando una bandana o un cappello (sempre con tessuti traspiranti), lo stesso per gli occhi con un paio di occhiali da sole, cospargendosi di abbondante crema solare. Per la biancheria intima si potrebbe utilizzare quella in cotone o spugna, ma l’ideale sarebbe sempre un tessuto tecnico non assorbente. Per mantenersi idratati sarebbe consigliato anche portarsi dietro una sacca o borraccia dell’acqua.

Per ogni stagione è importante indossare sempre le calze giuste: sempre da evitare il tessuto in cotone, optando per quello tecnico e traspirante, per mantenere il proprio piede sempre asciutto e per evitare eventuali sfregamenti che potrebbero causare vesciche. Come scegliere il modello adatto? In genere per le gare a breve distanza vengono prediletti dei calzini molto fini, mentre leggermente più spessi se si percorrono delle distanze più lunghe. Se invece il fretto è davvero pungente s i può ricorrere a un doppio paio, sempre rigorosamente in tessuto tecnico.

photo credit: Chema Concellon via photopin cc