Il pediatra danese Dottor Jens Christian Holm, che ha già aiutato 1300 bambini sovrappeso e obesi a ritrovare la forma fisica, dichiara di aver trovato la strategia vincente in 17 semplici passi e che le sue regole sono così efficaci da essere state adottate già da diversi distretti del suo Paese.

Si tratta in realtà, per buona parte dei casi, di semplici regole di buonsenso come quella di razionare bibite, spuntini calorici, dessert (concessi al massimo una volta a settimana, ciascuno) e fast food (ammesso una sola volta al mese) o di incrementare l’attività fisica e combattere la sedentarietà (niente televisore o videogiochi prima delle 5 del pomeriggio e per non più di due ore al giorno).

Spesso però le soluzioni di buon senso sono anche le più efficaci e il fatto di averle ridotte a 17 semplici regole può renderle più semplici da seguire, soprattutto per i bambini, senza costringerli a sottostare a una dieta vera e propria che, è dimostrato, soprattutto nei giovani ha spesso un effetto boomerang (leggi qui per saperne di più).

Il Dottor Holm, infatti, non è uno dei soliti gurù mediatici saltato fuori dal nulla. È dal 2008 che sta lavorando alla messa a punto del suo The Children’s Obesity Clinic’s Treatment (TCOCT) protocol, testandolo su giovani pazienti nella cittadina di Holbaek, a 40 miglia da Copenhagen. Secondo le sue dichiarazioni su 1900 ragazzini che si sono rivolti a lui ben 1300 (il 70 per cento) avrebbero perso un numero significativo di chili e, soprattutto, sarebbero riusciti a mantenere il risultato negli anni a venire.

Il suo piano iniziale era di mettere a punto 15-20 regole per migliorare la dieta, innalzare il livello di attività fisica e ridurre l’obesità. Senza mortificare i bambini o farli sentire a dieta. Tra le sue regole, per esempio, c’è quella che i piccoli devono alzarsi da tavola sazi e soddisfatti, per non correre il rischio che due ore dopo il pasto si avventino su qualunque merendina capiti loro a tiro. Però, se dopo aver consumato la prima porzione del loro cibo dichiarano di avrere ancora fame, prima di avere il bis devono attendere almeno 20’, che è il tempo necessario al nostro corpo per avvertire il senso di sazietà.

I pazienti del Dottor Holm in genere iniziano il loro percorso dimagrante con un ricovero di 24 ore dove vengono sottoposti a una serie di esami, inclusi i livelli della glicemia, la risposta insulinica, il colesterolo, la pressione sanguigna e, ovviamente, l’indice di massa corporea e le percentuali di massa grassa e magra. Inoltre sono chiamati a compilare, con l’aiuto dei genitori, un dettagliato questionario sulle loro abitudini alimentari e di vita.

Proprio dall’analisi delle risposte e degli errori di ogni singolo paziente si parte per adattare il set di regole al caso specifico. Queste regole andranno poi seguite fino al raggiungimento del peso forma.

Come spiega il dottor Holm, spesso i bambini obesi sono negletti, si sentono soli ed esclusi dai compagni, questo li porta a non partecipare ai giochi coi compagni e a sviluppare un senso di insicurezza, ma con il suo programma (leggi qui per vedere tutte le 17 regole del Dottor Holm) ci sono ottime probabilità che riescano a ritrovare la forma e anche il sorriso.

LEGGI ANCHE:
Prima colazione: 7 ricerche suggeriscono di farne un pasto completo ed equilibrato

photo credit: Tim Morgan via photopin cc