Avere cento orgasmi al giorno dopo aver sbattuto la schiena non deve essere proprio una piacevole fortuna per Dale Decker, un uomo americano di 37 anni che da due soffre di sindrome da eccitazione genitale persistente, conseguenza di una caduta che all’epoca parve essere addirittura innocua.

Dale ha raccontato alla stampa americana di essere semplicemente scivolato, di aver preso una botta alla schiena e poi di aver iniziato a sentire qualcosa di strano già durante il trasporto in ospedale. Da quel giorno lì la sua vita è completamente cambiata e l’uomo vive come in un incubo: “Non c’è niente di piacevole in questa condizione. Quando capita sono disgustato e mi verrebbe voglia di non avere nemmeno un orgasmo per il resto della vita“. La sindrome l’ha pesantemente limitato in tutti gli aspetti della sua vita quotidiana tant’è che ha dovuto abbandonare il suo lavoro e gli risulta difficile persino uscire di casa (i continui orgasmi diventano motivo di imbarazzo in pubblico).

Come lui stesso racconta: “Mi è capitato di avere un orgasmo all’interno di un supermercato e quando lo spasmo era finito 150 persone puntavano il dito verso di me. Perché dovrei uscire quando so che potrebbe capitare una cosa simile?“. Ovviamente la sindrome gli ha creato problemi anche con la moglie e la coppia ha deciso di non dormire più insieme. Racconta la donna: “Non è in grado di soddisfarmi in camera da letto visto che gli episodi non sono rari nemmeno la notte . Per questo abbiamo deciso di dormire in letti separati“.

Per il momento sembra che non sia nota una cura per questo tipo di patologia anche se diversi studi registrano l’attenuamento dei sintomi in pazienti di sesso femminile grazie al trattamento con antidepressivi.

photo credit: tmkc via photopin cc